Grillo vs. Renzi: “L’ebetino di Firenze in ginocchio dalla Merkel”

“Il pellegrinaggio ossequioso, subito dopo il loro insediamento, dei nostri primi ministri, come Rigor Montis e Capitan Findus Letta, presso la Merkel (e persino del voglioso ebetino di Firenze, che non vanta alcuna credenziale se non quella di aver vinto alla Ruota della Fortuna) ricordano la ricerca della benedizione papale dei grandi feudatari del medio evo. In ginocchio, baciando il … Continua a leggere

Colpire Halloween per colpire l’America: Russia e Vanezuela vietano la festa “neocolonialista”

«Una festa imperialista e neocolonialista». L’ultima crociata di Chavez contro la cultura “gringa”: proibiti i festeggiamenti negli hotel statali. La ribellione parte da Twitter: «Inizieremo a festeggiare il Ringraziamento?». Anche la Russia non scherza: nel mirino c’è l’America, accusata di finanziare gli oppositori di Putin. Sullo sfondo il caos delle feste russe tra ricorrenze post-sovietiche e nuovi innesti venuti dall’Occidente. Chavez … Continua a leggere

In Ferrara veritas: “Cerchiamo di non scrivere cazzate sul web. Almeno noi del Foglio. Un flop è un flop. Punto”

Il sito de Il Foglio, un po’ come tutti gli altri, nel bel mezzo dello spoglio delle schede siciliane, scriveva del “successo” di Beppe Grillo. Un’analisi che trova un po’ tutti concordi: di fatto, il Movimento 5 Stelle pare essere il primo partito sull’isola (viene poi superato dalle coalizioni). Ma il direttore, Giuliano Ferrara, abituato a pensarla diversamente e ad … Continua a leggere

Il partito di Grillo primo in Sicilia: «Non saremo onorevoli! Io capo politico e garante»

La Sicilia elettorale e dei partiti si era svegliata con un brivido di terrore: il candidato di Grillo, Cancelleri, è in testa, soprattutto a Palermo. Sondaggi volanti, exit poll improvvisati, aria annusata nei seggi popolari come quella di Borgo vecchio che è la sentina del voto di scambio e controllato. Ebbene, lì Cancelleri era in testa. Ma poi sono cominciati … Continua a leggere

Terremoto (politico) in Giappone: disoccupazione, scandali di governo e proteste contro il nucleare

Il momento è forse il peggiore dal Dopoguerra: tra crisi economica, scandali di governo e manifestazioni anti-nucleariste, il Giappone è vicino a un nuovo terremoto. Anche se questa volta solo politico. L’ultima scossa è arrivata, il 25 ottobre, con le dimissioni del governatore della città di Tokyo, Ishihara Shintaro. L’80enne, quattro volte governatore della capitale nipponica, ha convocato una conferenza stampa … Continua a leggere

Elezioni in Sicilia: chi vince erediterà un debito di 6 miliardi di euro… Complimenti!

Uno su dieci vincerà la battaglia. Ma, chiunque sia, rischia di soccombere subito alla guerra. Perché l’onore di diventare governatore di Sicilia si accompagnerà all’onere di dovere realizzare un miracolo: rimettere a posto, entro la primavera, i conti che, tra bulimia di personale, spesa sanitaria, e sprechi atavici ammonterà, entro la fine del 2012, alla stratosferica cifra di sei miliardi … Continua a leggere

Ucraina: il voto conferma il desiderio di rimanere tra le braccia della Russia

In Ucraina si profila una vittoria più larga di quella prevista dagli exit poll per il partito del presidente Viktor Ianukovich: dopo lo spoglio del 25% dei voti, il Partito delle regioni ha il 37% (contro il 31% previsto dalle rilevazioni fuori dai seggi), mentre l’Alleanza della leader d’opposizione in carcere Ioulia Timochenko è ferma al 21% (previsto il 24%). … Continua a leggere

Silvio rivoluzionario e abbandonato. Il leader Udc: «Ha devastato i moderati».

Forse era meglio se puntava sul Milan. L’altra creatura, il Popolo della libertà (Pdl), non ha accolto la resurrezione (politica) di Silvio Berlusconi con tanto calore. Dopo che il Cav ha minacciato di togliere la fiducia al governo Monti, Alemanno, Formigoni, Sacconi, persino il capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto si sono spesi a difendere il governo tecnico, in vista della … Continua a leggere